La tradizione dal 1972 

 L’azienda, tuttora a conduzione familiare è tra le macellerie più storiche di roma, viene fondata nel 1972 con la creazione del Mercato Rionale di Via Ettore Rolli a Trastevere. Nel 1999 viene inaugurata la nuova sede centrale in Piazza Testaccio n° 1 Roma, nell’omonimo rione. La sua posizione, in una delle piazze più caratteristiche e popolari di Roma, ha da subito favorito il rapporto fiduciario con la clientela locale distinguendosi per la qualità dei prodotti e del servizio offerti. Ad oggi, pur mantenendo la semplicità che caratterizza il rapporto con i propri clienti e la genuinità delle carni, per la prima volta nel circuito romano la Macelleria Nasini Carni sbarca nel Web.

Dedicato a Sergio Nasini, Maestro d’Arte e padre affettuoso e a tutto il popolo di Testaccio

Il quartiere testaccio

  Testaccio è il XX° Rione di Roma. Il nome deriva dal vicino Mons Testaceus (Monte Testaccio o Monte dei Cocci) formatosi dal continuo accumulo nei secoli di anfore rotte, provenienti da ogni parte del mondo che risalivano il Tevere dal Porto di Ostia fino al vicino Porto Fluviale di Ripa Grande. La zona, anche se inserita all’interno delle Mura Aureliane, era popolata da contadini e pastori e lo spazio tra il Monte dei Cocci e le Mura era destinato ad uso pubblico, i cosiddetti “prati del popolo romano”, continue alluvioni e la malaria erano comuni fino al primo Piano Regolatore di Roma del 1873 che, dopo un’attenta bonifica, destinò questo territorio ad attività industriali, grazie alla vicinanza di vie di comunicazione (via Ostiense, Tevere e ferrovia). Il Rione Testaccio era inserito nel Rione Ripa, fu poi scorporato definitivamente nel 1921. Testaccio, nella sua travagliata storia, ha sempre goduto di ottima fama, legata appunto ai traffici del Porto ed alla sua gente. Rimane tutt’oggi un punto di riferimento per giovani provenienti da tutto il mondo, intenti a frequentare locali e ristoranti che per secoli hanno rifocillato e dato svago a tutti senza distinzione alcuna...

...dimenticavo, Testaccio fu anche la culla dell’A.S. Roma.